Un tratto del Percorso della Pesa, nel Chianti, recentemente ripristinato dopo le ultime grandi piene del 2019

Il lavoro di manutenzione del Consorzio di Bonifica sul reticolo idrografico del Medio Valdarno non si è mai fermato anche durante l’emergenza coronavirus mentre proprio in questi giorni si è avviata e si svilupperà per tutto maggio l’attività di sfalcio della vegetazione stagionale.

L’ultima ordinanza regionale in materia di Coronavirus, la numero 46 del 29/04/2020, autorizza, a partire dal 1 maggio, lo svolgimento di attività motoria in sicurezza nel proprio Comune. Le uscite, a piedi o in biciletta saranno consentite solo in modo individuale o da parte di genitori con i propri figli minori, di accompagnatori di persone non completamente autosufficienti o di residenti nella stessa abitazione, da iniziare e concludersi presso la stessa con l’obbligo invariato di distanziamento sociale verso tutti gli altri.

Dunque in Toscana, con la fase 2, si torna ad uscire, da soli o in famiglia ma soprattutto con grande responsabilità: per questo, per svolgere un po’ di attività motoria, sarà ancora consigliabile preferire i boschi e le campagne piuttosto che le piazze e le vie dei centri abitati e dunque quale migliore occasione per riscoprire i sentieri e percorsi lungo i fiumi e torrenti del proprio comune!

In queste settimane di emergenza Covid19 non si è mai fermata, perché servizio pubblico essenziale, l’attività di vigilanza e manutenzione sul reticolo idrografico svolta dal Consorzio di Bonifica per la sicurezza idraulica dei cittadini e delle loro proprietà. E proprio negli ultimi giorni si sono avviate anche le lavorazioni programmate di sfalcio della vegetazione stagionale che entreranno però nel pieno della loro esecuzione, in amministrazione diretta o in appalto, durante tutto il mese di maggio.

“Tornando ad uscire di casa – spiega il Presidente del Consorzio Marco Bottino – sarà possibile andare lungo fiumi e torrenti su cui il Consorzio non ha mai smesso di intervenire con piccoli e grandi interventi: penso al Sentierelsa con interventi per oltre 30 mila euro; al Percorso della Pesa su cui in questo frangente si sono ripristinati diversi tratti danneggiati dalle grandi piene di novembre e dicembre 2019; ai corsi d’acqua Empolesi su cui si sono già eseguiti gli sfalci e a tutti quelli su cui si è programmato di intervenire nelle prossime settimane. Colgo l’occasione per ribadire che ogni lavoro del Consorzio, compreso il taglio dell’erba, ha finalità di prevenzione idraulica e non di pubblico decoro o fruibilità; dunque attueremo il nostro programma secondo priorità di ispezione e controllo delle opere e sistemazioni idrauliche dettate dal grado di rischio del corso d’acqua. In ogni caso, anche se da qualche parte l’erba potrà essere ancora un po’ alta i prossimi giorni possono essere l’occasione per scoprire ed apprezzare il corso d’acqua gestito dal Consorzio, vicino a casa”.