Nominati l’Osservatorio dei Paesaggi Fluviali e il Comitato di Coordinamento, entrambi definiti dal Patto Costitutivo, e nel quale sono previsti rappresentanti di Enti Pubblici e di associazioni.

Presente anche Barbara Guazzini in rappresentanza dell’Osservatorio Polifunzionale del Chianti, che ha espresso l’intenzione di sottoscrivere il CdF. Nel Comitato di Coordinamento, per le associazioni locali la proposta è stata di nominare Fiorello Toscano (Pro Loco San Vincenzo a Torri) e Marco Rustioni (Ass. Cittadinanza Attiva di Barberino Tavarnelle).

Per quanto riguarda l’Osservatorio si è discusso sulle attività prioritarie su cui lavorare, ovvero: autosufficienza idrica di bacino (strategia 1 obiettivo 1) DMV/DME e parco agricolo fluviale multifunzionale dei paesaggi della Pesa (strategia obiettivo 4).
Per queste attività di contratto, occorre costruire un quadro conoscitivo adeguato utilizzando tutte le fonti possibili e integrando con ricerche originali del contratto di fiume:
a) sul bilancio idrico e lo stato del funzionamento attuale del bacino idrografico; opere da recuperare (cisterne, borri, briglie, sorgenti, acque reflue e piovane, laghetti, ecc.)
b) sull’analisi del patrimonio:
ambientale (vegetazione ripariale, continuità ecologica della riviera, fauna acquatica, qualità del paesaggio rivierasco della Pesa e affluenti);
territoriale (piste di sevizio, sentieri, centri storici, borghi, coloniche storiche, beni culturali); paesaggistico (sistema delle ville fattoria, paesaggi rurali storici, percorsi panoramici, ecc.
Per entrambi i quadri conoscitivi occorre predisporre un progetto di ricerca, mettendo in campo le fonti esistenti e integrando con l’apporto delle università (studenti, tesi di laurea, dottorati, borse di studio, ecc);
c) Destinazione pedo-ciclabile e riforestazione dei percorsi di servizio fluviali di valle (strategia 2 obiettivo 1 attività b)
d) Manutenzione sostenibile dei corsi d’acqua.