La lettera dei primi cittadini del Chianti alla Città Metropolitana: undici le opere segnalate per l’inserimento all’interno del Recovery Plan. I sindaci: “Non una lista dei sogni ma le priorità concrete per lo sviluppo dei nostri territori”

I Comuni del Chianti iniziano a progettare il futuro dei propri territori. Con una lettera inoltrata alla Città Metropolitana di Firenze, i sindaci Francesco Casini (Bagno a Ripoli), David Baroncelli (Barberino Tavarnelle), Paolo Sottani (Greve in Chianti), Alessio Calamandrei (Impruneta) e Roberto Ciappi (San Casciano Val di Pesa) hanno infatti segnalato le opere e i progetti strategici da inserire nel piano fiorentino del Recovery plan.

Obiettivo del piano “Next Generation EU” stilato dalla Commissione europea, meglio noto come Recovery Fund, è quello di sostenere la ripresa degli Stati membri rilanciandone l’economia e sostenendo gli investimenti pubblici e privati. L’Italia sarà uno dei maggiori beneficiari, con circa 209 miliardi di euro in arrivo. In attesa dell’erogazione di questi fondi, la Città metropolitana di Firenze si sta portando avanti stilando una lista di priorità su cui intervenire. Da qui, la necessità dei sindaci del Chianti di “fare squadra” e mettere in ordine i progetti più importanti per lo sviluppo dei propri territori (ad esclusione dei progetti di infrastrutture stradali, non finanziabili con le risorse del Recovery Fund). Nei giorni scorsi il piano “Next Generation Chianti” è stato presentato e condiviso anche con i sindacati e le associazioni di categoria del territorio.

“Quella che abbiamo presentato alla Città Metropolitana – dichiarano i sindaci – non è una vaga “lista dei sogni”, ma un elenco concreto delle priorità su cui fondare lo sviluppo sostenibile dei nostri territori. Dietro a questi progetti ci sono i volti, le mani e i cuori dei nostri concittadini e le vite dei nostri figli. Di fronte alla pandemia e alla crisi, l’Europa ci offre un’occasione che non possiamo perdere. Con queste risorse speriamo di dare presto corpo a una serie di opere che renderanno il nostro territorio ancora più vivibile, ancora più rispondente ai migliori standard europei”.

Tra i progetti segnalati anche i percorsi pedo-ciclabili che dovranno andare a comporre il Sistema Ciclabile del Chianti: la pista ciclabile sul fiume Greve da Greve in Chianti fino al Galluzzo e da lì a Scandicci e Mantignano; la pista ciclabile sul fiume Ema da San Polo in Chianti al Galluzzo passando per Grassina, Ponte a Ema e Cascine del Riccio; la pista ciclabile “Cassia-Pesa” tra Sambuca e Poggibonsi.

Per ciascuna opera è stata inviata una scheda di progetto preliminare, da approfondire nelle fasi successive dell’iter in caso di inserimento nel Recovery Plan metropolitano.