Sfalcio sul Torrente Ombrone a Pistoia

Su segnalazione della Lipu, delegazione di Pistoia, è stato effettuato un sopralluogo congiunto e deciso insieme come intervenire.

Sono in corso lungo quasi tutto il tratto pistoiese dell’Ombrone, così come su altri suoi più grandi e piccoli affluenti le operazioni di manutenzione programmata mediante sfalcio della vegetazione stagionale: un lavoro che ha prima di tutto una funzione di tipo idraulico perché serve al Consorzio per effettuare una ricognizione ed ispezione visiva dello stato degli argini e delle altre sistemazioni idrauliche ma che come conseguenza positiva permette ai cittadini di frequentare i corsi d’acqua durante la bella stagione primaverile, come nel caso dell’Ombrone Pistoiese luogo privilegiato per corse e passeggiate appena fuori città.

Da molti anni ormai i tecnici ed operatori del Consorzio, così come quelle delle imprese affidatarie di lavori in appalto, hanno ben chiara l’importanza del rispetto dell’habitat fluviale ragion per cui a questo primo passaggio viene lasciata ove presente una fascia di rispetto vegetata di circa 1 metro di larghezza a contatto con l’acqua, luogo privilegiato per la nidificazione e la riproduzione di molte specie di animali fluviali, così come si evitano i passaggi di mezzi in acqua e se i tagli sono eseguiti a mano si chiede di effettuare un controllo visivo per cercare di scansare eventuali nidi presenti.

Sull’Ombrone a Pontelungo in particolar modo, grazie alla segnalazione della delegazione di Pistoia della LIPU circa la presenza di specie nidificanti particolarmente interessanti e preziose, si è provveduto a lasciare anche altre macchie di vegetazione incolta in modo da permettere il ciclo integrale di riproduzione senza alcun disturbo; per essere chiari, dunque, non si tratta di un lavoro “lasciato a metà” o “fatto male” ma anzi un intervento che si è arricchito con spirito costruttivo e di fattiva collaborazione di una valenza ambientale importante: il modo giusto per coniugare sicurezza idraulica, fruibilità umana e rispetto dell’habitat fluviale.