Il giallo, il verde e l’azzurro dei fossi di acque basse del pistoiese tutti sfalciati per l’estate

57

Sono i canali e i fossi delle acque di pianura del bacino del torrente Ombrone per i quali è importante avere un’attenzione davvero speciale perché facilmente esondabili in caso di forti temporali e piene improvvise

Può dichiararsi sostanzialmente terminato il primo passaggio di sfalcio della vegetazione sui fossi di acque basse in sinistra idraulica del Torrente Ombrone Pistoiese nei comuni di Agliana e Pistoia.

Gli interventi di manutenzione programmata sono stati eseguiti sui Fossi Settola di Agliana, Fosso del Ronco, Fossi delle Berlicche, Fosso di Via Ponte dei Baldi, F. Muccaia e diramazioni, F. del Bosco e F. Bineria nel comune di Agliana mentre nel comune di Pistoia sono questi i fossi oggetto dei lavori a cura del Consorzio: Acqualunga, Badia a Pacciana e diramazioni, Bollacchione, Gorello, Brusigliano e Bottaio.

“Per tutti questi è previsto almeno un’altro se non due passaggi prima dell’inverno e della stagione maggiormente rischiosa dal punto di vista idraulico – conferma il Presidente del Consorzio Marco Bottino – Sono questi i corsi d’acqua naturali e artificiali che nella storia di Pistoia e dintorni sono stati gestiti, deviati, arginati e sfruttati dando vita a quei “Disegni d’acqua” oggetto della mostra che il Consorzio ha promosso per spiegare il fascino e la delicatezza del territorio e far comprendere immediatamente la complessità di operare oggi per la sua sicurezza”.

Per approfondimenti: www.disegnidacqua.it