Incontro organizzato dall’Accademia dei Georgofili e dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno

Dopo i saluti del Presidente dei Georgofili Massimo Vincenzini e del Presidente del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno, Marco Bottino, le relazioni sono state svolte da Lorenzo Orioli dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo, Marco Moriondo del CNR, Marco Masi della Regione Toscana, Iacopo Manetti del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno e Andrea Cappelli dell’Agenzia Idrica Toscana; moderate da Daniele Vergari, Accademico e dipendente del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno.

Dove c’è acqua, c’è vita. Il tema dell’acqua è stato affrontato da tre punti di vista: quello globale, lo scenario del cambiamento climatico e la declinazione territoriale del problema, con l’intento di portare ad un pubblico più ampio le problematiche connesse e far riflettere sul tema generale dell’acqua e sulla necessità di conservare questa risorsa che crediamo, a torto, sempre disponibile.

“Siamo in stato di siccità ormai da febbraio e il fenomeno non è contingente, come affermano ad esempio anche fonti governative, ma purtroppo sempre più strutturale – ha affermato nel corso del suo intervento il Presidente del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno e di ANBI Toscana, Marco Bottino – Il 40% dei terreni agricoli nazionali si trova ad affrontare condizioni di siccità definibili come medio-gravi e per questo dobbiamo riappropriarci di ‘saperi antichi’ e attuare un approccio sistemico al problema aumentando ovunque possibile le capacità di invaso della risorsa idrica”.

Sul sito internet dell’Accademia dei Georgofili la raccolta dei riassunti delle relazioni presentate.