Il Presidente Marco Bottino sulle situazioni più critiche del territorio

Nella mattinata del 2 dicembre una forte ondata di maltempo ha colpito duro su #Pistoia, #Prato, #Firenze e il Mugello Valdisieve con temporali che si sono rapidamente spostati da ovest verso est: le piogge molto intense concentrate in pochissimo tempo hanno comportato gravi ricadute sui torrenti e fossi minori; il Consorzio ha monitorando la situazione con tecnici ed operatori sul campo fin dalle prime ore in contatto con Genio Civile Regione Toscana, Protezione Civile e Comuni

Il Consorzio di Bonifica ha lavorato con tutti i suoi uomini e mezzi in servizio fin dalla mattinata e per tutta la giornata fino a tarda notte, in stretto contatto con il Genio Civile della Regione Toscana, Protezione Civile e Comuni per seguire l’andamento e le ripercussioni sul reticolo idrgrafico minore e sulle opere idrauliche dell’ondata di maltempo con forti acquazzoni e temporali molto concentrati nel tempo e nello spazio che si sono abbattuti sulla parte nord del Comprensorio spostandosi da ovest ad est e interessando dunque in sequenza Pistoia, Prato, Firenze e il Mugello e Valdisieve.

Anche il Presidente Marco Bottino si è recato nel primo pomeriggio sul territorio pistoiese e pratese in stretto contatto con le Amministrazioni Comunali: “Si è trattato di un evento molto concentrato nel tempo e nello spazio, con fenomeni temporaleschi anche oltre le previsioni dettate, ovviamente, da osservazioni e modelli matematici non sempre in grado di descrivere chiaramente gli effetti al suolo e sul reticolo minore delle perturbazioni”.

Nelle foto, le principali situazioni di difficoltà e le diverse operazioni di attivazione delle casse di espansione e pompe idrovore nel pistoiese che hanno contribuito anche questa volta ad evitare ripercussioni al suolo ancora peggiori.