Correre tra la bellezza nella terra del vino: sono già oltre 400 i runners provenienti da tutto il mondo e attesi a Radda in Chianti

Una corsa tra le vigne: è l’affascinante percorso della Chianti Trail Ultra che dal 22 al 24 marzoporterà runners di tutto il mondo a sfidarsi in un itinerario tra le colline che parte da Radda in Chianti, per snodarsi lungo 73 km, nella terra di uno dei rossi più amati al mondo.

Ad oggi sono circa 400 gli atleti iscritti per affrontare i tre percorsi: Trail Ultra (73 km e dislivelli di 2.600 metri), Chianti Trail (37 km con dislivelli di 1.200 metri), Short Trail (15 km e dislivelli di 600 metri). Tre tracciati con partenza e arrivo dal borgo medievale di Radda in Chianti, che si sviluppano per il 95% su strade e sentieri non asfaltati a uso pubblico o privato, offrendo un’occasione unica per scoprire scorci poco conosciuti del Chianti.

I runners arriveranno all’affascinante pieve di San Giusto, per poi risalire all’imponente Vistarenni, una villa rinascimentale che spicca in mezzo alle colline, da cui si risale, mettendo a dura prova tecnica e allenamento, fino alla cima di monte San Michele, il punto più alto del Chianti. E poi la discesa verso Volpaia, uno dei borghi più famosi e caratteristici, e il rientro verso Radda in Chianti per tagliare il traguardo. Un percorso impegnativo che ha visto trionfare nell’edizione 2018 lo spagnolo Daniel Aguirre che ha coperto I 73 km della Trail Ultra in 6 ore e 24 minuti

Non mancheranno poi gli eventi collaterali alla manifestazione. Tra questi ci sono il convegno tecnico “Aspetti dell’allenamento e della nutrizione nel trail running” che vedrà protagonista uno dei preparatori atletici più famosi ed esperti d’Italia, Fulvio Massini (appuntamento il 22 marzo, ore 17, in piazza IV Novembre a Radda in Chianti). Domenica 24 marzo è invece programma l’Ultra Wine: nella Casa del Chianti Classico, a Radda in Chianti, un antico monastero Francescano completamente restaurato e oggi sede istituzionale del Consorzio del Vino Chianti Classico, i partecipanti avranno la possibilità di partecipare alle visite guidate del “Museo Sensoriale del Vino Chianti Classico” o a una full immersion alla scoperta dei vini del Chianti Classico con le special event “Come diventare Sommelier in 30 minuti”. E da quest’anno si aggiunge un’opportunità in più per vivere il Chianti con un programma di quattro giorni dedicato a piccoli gruppi per scoprire il lato meno conosciuto del territorio.

Fonte: Regione Toscana