Ad immortalare un bellissimo airone in volo sul torrente in piena è stato il fotografo e giornalista sancascianese Antonio Taddei

Mentre sono aperti ancora per pochi giorni i termini per partecipare al concorso 2022 (leggi qui), gli organizzatori di Obiettivo Acqua hanno rilasciato la pubblicazione che raccoglie le immagini dei vincitori e una selezione delle migliori foto partecipanti all’edizione 2021.

Tra queste, anche lo scatto del fotografo e giornalista sancascianese Antonio Taddei, tra le firme de Il Gazzettino del Chianti, che ha ripreso un bell’esemplare di airone ad ali spiegate in volo su un Torrente Pesa dalle acque marroni e impetuose, tipiche del passaggio di una piena.

“Ringraziamo Antonio Taddei per aver rappresentato il territorio del Medio Valdarno e uno dei torrenti più belli del nostro comprensorio al concorso fotografico nazionale Obietivo Acqua 2021. La sua foto sembra riassumere simbolicamente il delicato rapporto umano con una natura spettacolare perché bella e rilassante come il volo di un airone e allo stesso tempo inquietante e rischiosa come lo scorrere di una piena – commenta il Presidente del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno, Marco Bottino – La speranza è quella di ritrovare anche tra la selezione 2022 qualche ottimo scatto proveniente dal nostro territorio”.

Nell’introduzione al volume si legge infatti che protagonista assoluta della terza edizione 2021 del concorso è stata ancora l’acqua dolce ed i paesaggi unici ed emozionanti creati da essa in Italia: “i fiumi, i laghi, i corsi d’acqua minori, le zone di palude, di delta e di estuario, le risorgive, ambienti ricchi di una biodiversità unica al mondo, nonché quelle opere create dall’uomo, che da secoli è impegnato ad utilizzare al meglio questa risorsa vitale, a regimarla, a raccoglierla e a far sì che sia disponibile anche in quelle zone e in quei periodi in cui non ve ne è a sufficienza, rendendo testimonianza del suo ingegno e delle sue abilità con opere straordinarie che, anche a distanza di millenni, abbiamo ancora la possibilità di ammirare e che ci rendono orgogliosi della nostra storia e del nostro essere italiani”.